domenica 17 dicembre 2006

De rerum philosophorum

Lungi da me proporre argomenti seri (io e serietà nella stessa frase facciamo a cazzotti) in versione Maurizio Costanzo Show, da qui la ragione del titolo pomposo di questo post, che, come si può notare, è stato scritto da chi non ha mai aperto un libro di latino. Non essendo in grado di sostenere una disputa filosofica (ma non mi tiro mai indietro davanti a uno spritz) trascrivo qui un pezzo che mi aveva colpito molto, a rileggerlo adesso vuoi per gli effetti allucinogeni dell'ora vuoi per la reazione a catena innescata dai commenti sulla diatriba loggioniana potrebbe dare qualche spunto.. in caso, prendetevela con Oscar Wilde.

La Religione non mi serve. La fede che altri dedicano all'invisibile, io la dedico a ciò che posso toccare e guardare. I miei dèi vivono in templi costruiti da mani umane, e nel cerchio dell'esperienza attuale la mia dottrina è perfetta e completa; anche troppo completa, forse, perché, come molti di coloro, o tutti coloro, che hanno posto su questa terra il loro Paradiso, ho trovato in essa non solo la bellezza del Paradiso ma anche l'orrore dell'Inferno. Quando mi accade di pensare alla religione, sento che mi piacerebbe fondare un Ordine per quelli che sono incapaci di credere; si potrebbe chiamarla la Confraternita degli Orfani, sul cui altare spoglio di candele un prete nel cui cuore non alberga la pace celebri con pane non benedetto e calice vuoto di vino. Qualsiasi cosa per essere vera deve diventare una religione. E l'agnosticismo, non meno della fede, dovrebbe avere i suoi riti. Ha disseminato i suoi martiri, dovrebbe raccogliere i suoi santi, e lodare Iddio ogni giorno per essersi celato agli uomini. Ma che sia fede o agnosticismo, per me non deve essere nulla di esteriore. I suoi simboli devono essere creati da me. Soltanto ciò che crea la propria forma è spirituale. Se non posso trovare il suo segreto dentro di me, non lo troverò mai. Se non lo possiedo già, mai esso verrà a me.

De Profundis (Oscar Wilde, 1897)

Varrebbe la pena, secondo me, di riflettere su quel nulla di esteriore.. non è che il problema, a volte, è proprio che si declama, si esteriorizza, si sbandiera un po' troppo? Mi viene da considerare la bestemmia di Cili in quest'ottica, (troppo) libera espressione di un pensiero che afferma una realtà diversa da quella della religione, ma che -purtroppo- ha bisogno anche di denigrarla..

10 commenti:

Mateo ha detto...

"Ma che sia fede o agnosticismo, per me non deve essere nulla di esteriore."

Io rifletterei anche su quel "ma che sia fede...", prima di arrivare al "nulla di esteriore". Così, perché mi piace vedere nei discorsi un doppio senso.

Il mio pensiero l'ho espresso più e più volte, sia nei commenti qui sotto, sia nell'editoriale del numero uno.

Bisogna pensare a cosa si intende per denigrare. La religione si denigra in diversi modi:
quando si proteggono i preti pedofili;
quando si sbandiera che tutti gli uomini sono uguali ma, ecco, se gli omosessuali si facessero curare, ci farebbero un gran favore;
quando in nome di Dio si fanno guerre sante;
quando in nome della fede si impone di non votare ad un referendum per la vita;
quando in nome della vita si impone di non votare per la morte dei malati terminali;
quando in nome dell'amore si impone di non usare il preservativo, tanto, l'Aids... che sarà mai? Noi preti non la prendiamo perché inchiappettiamo i bambini;
quando in qualità di Papa vai a fare visita a Pinochet e ti complimenti con lui;
quando con la minaccia di inquisizione fai ritrattare chi non la pensa sul mondo come vuoi tu.

Insomma, denigrare la religione non è cosa da tutti, e io non posso certo farlo in quanto non sono né un cardinale, né il Papa.

Mario ha detto...

"Noi preti non la prendiamo perché inchiappettiamo i bambini"

In primis questo io lo chiamo razzismo e generalizzazione, ergo superficialità

Poi, cosa centrano i preti con il dire che Dio non esite?

Cosa centra cosa ti dice di votare un uomo di fede, con il fatto che Dio esista o no? TU NON SEI AUTORIZZATO AD OFFENDERE LE PERSONE CHE CREDONO. PUNTO E BASTA. OFFENDI I PRETI PEDOFILI, OFFENDI PURE IL CARDINAL RUINI O CHI DICE DI VOTARE QUELLO CHE GLI PARE. MA, RIPETO ANCORA E ANCORA UNA VOLTA NON OFFENDERE IL LORO DIO PERCHè E' DAVVERO UNA VIGLIACCATA.

Va giudicata la persona, o il gruppo di persone, non le cose in cui credono. Tu, invece di dire a loro stronzi, idioti, bigotti o coglioni stai offendendo il loro Padre.

E penso che su questo tu sia d'accordo: un conto è dire stronzo a me, ben diverso è dire (per colpire me) che mio padre è un fallito o non esiste, o che mia madre è una puttana.

Poi fai tanto il difensore degli omosessuali emarginati ma emargini tu stesso chi ha dei problemi ancora più gravi, perchè non dimentichiamo che pure la pedofilia è una malattia (per quanto con risvolti che comunque vanno ben oltre le colpe dei preti, come la prosuzione e distribuzione su internet di materiale pedopornografico)

Altro punto focale: è dal medioevo che la religione cattolica non fa crociate o guerre sante, al contrario della religione musulmana. Eppure io non ti ho mai sentito ne letto una tua bestemmia su Allah...che fine ha fatto la par condicio?

Forse è vero che dovremmo vederci faccia a faccia perchè all'inizio ritenevo le tue idee più ragionate e valide. Adesso mi rendo conto che, senza offesa eh, in infiniti punti fanno acqua. Quindi mi chiedo, perchè non ti muovi dimostrando quantomeno un po' più di umiltà? Non ne troveresti che giovamento...

Perchè davvero, mi sembra che tu stia cercando di convincere noi ma ancor prima te stesso che bestemmiare è giusto. E questo, visto che lo offendi, dimostra in fondo che forse a Dio anche tu un po' ci credi.

Mario ha detto...

E poi ho sentito che c'è la possibilità che la nonna Flavia Ursini finanzi con fondi della facoltà la produzione del Loggione (non è una balla, ma una cosa possibile, chiedere alla Tuzzi cari amici) E' per quello che ancora non sono volate parole all'indirizzo della simpatica (tanto quanto un cactus nel culo) vecchina?? Mmm... no good...

Ti prego, intitola una rubrica "quella stronza della Flavia Ursini" e parlane male a bomba nel prossimo numero (firmandoti) e prometto che non tiro più fuori sta storia...e sarai il mio nuovo Dio.. e in qunato tale ti bestemmierò a bomba così sarai contento... ;)

Mateo ha detto...

"Noi preti non la prendiamo perché inchiappettiamo i bambini"

Questa io la chiamo satira.

Comunque tutti i punti delle tue risposte li avevo già previsti prima che rispondessi. Sto diventando davvero l'Oracolo.

Non si parlava dell'esistenza di Dio in questo post, ma della denigrazione della religione. Il tuo commento, diciamo, esula dal contesto.

L'esempio di padre inesistente e madre puttana è fuori luogo, non puoi paragonarmi il pane con le pietre.

Io non emargino chi ha dei problemi, come la pedofilia, perché è gente che va aiutata o rinchiusa. Condanno invece chi, pur sapendolo, li difende e permette loro di continuare a fare i preti. (Daniele Luttazzi: "Come ha ricordato un recente documentario della BBC, per vent’anni un certo cardinal Ratzinger fu responsabile dell’applicazione del documento segreto del Santo Uffizio Crimen Sollicitationis
in base al quale, per prudenza e per non fare scandalo, quei sacerdoti
non venivano rimossi dall’incarico pastorale, ma semplicemente spostati
in un’altra parrocchia").

Riguardo la par condicio:
a) rileggi bene il giornalino.
b) sempre Luttazzi ha scritto (io offro spunti di riflessione, ma vedo che la gente non li coglie):
"Altri poi hanno usato il tema “vigliaccheria” in una seconda
accezione: i satirici attaccano il papa, ma hanno paura di attaccare i
leader islamici. NON E’ VERO. Battute, vignette e monologhi contro
l’integralismo islamico ce n’è ormai a bizzeffe. Quando in Italia
diventerà famoso un leader islamico integralista, dovrà sopportare
anche lui gli oneri satirici della ribalta, come è toccato a padre Georg".

Le mie idee non fanno acqua, ho smentito ogni cosa che avete detto con i fatti, ben esposti e ragionati. Siete voi che continuate ad accanirvi inutilmente per dimostrare come la chiesa abbia fatto un lavoro straordinario nel plasmare le menti.

Mateo ha detto...

Mi aspettavo questa accusa da bambino di terza elementare, l'avevo già prevista. Ma siccome coi bambini ci lavoro, te lo spiego come lo spiegherei a uno che ha 8 anni.

C'è la possibilità che lEsu finanzi delle iniziative degli studenti, come ho già scritto pubblicamente nel blog, quindi anche Il Loggione. Bisogna rispettare certe clausole però, come ad esempio scrivere da qualche parte che il progetto è finanziato dall'Esu. Siccome vorrei quei venti euro al mese per stampare il giornalino non mi sono informato ancora bene se essere finanziati comporti la censura possibile di qualche cosa. In tal caso continueremo a fare colletta tra i redattori, non ci cambia tanto la vita.

Dato che mi aspettavo una accusa del genere, e la predivibilità della gente da un po' di tempo mi sconvolge, avevo già pensato alla eventuale risposta già ieri pomeriggio, mentre prendevo il thè. Con la mente avevo viaggiato ad un telefilm della mia infanzia, Hercules, e precisamente alla puntata in cui Hercules incontra una principessa.
Questa gli chiede: se sei il vero Hercules, dimostramelo.
Lui risponde: Non ho bisogno di dimostrare niente a nessuno.
Lei allora sorridendo gli dice: Questa è la risposta che avrebbe dato il vero Hercules, benvenuto, figlio di Giove.

Come ho già detto, La Ursini non la conosciamo bene, e io non sono solito scrivere su qualcuno di cui non so ancora nulla personalmente. Tutto a suo tempo.

Mario ha detto...

"In tal caso continueremo a fare colletta tra i redattori"

E tra il resto dei tuoi compagni di corso a quanto ho capito...o sbaglio?

" "Noi preti non la prendiamo perché inchiappettiamo i bambini"

Questa io la chiamo satira. "

Io invece questa la chiamo una grande, gigantesca strpitosa stronzata...detta da uno che vola più alto di quanto le misere ali gli permettano...

Mateo ha detto...

Con l'andare della discussione, si comprende veramente dove gli interlocutori vogliano andare a parare. Il momento di questa comprensione per le persone intelligenti si chiama anche Fine.

Mario ha detto...

Mi sono riletto, e sembrava essere una frase con un tono polemico o incazzoso. Invece non lo voleva essere.

Sono contento comunque che almeno nel nostro caso sia comprensibile dove vogliamo andare a parare (soprattutto nel mio caso, visto che sono portiere ehehehehe...parare...ehehehehe...)

Mario ha detto...

"Le mie idee non fanno acqua, ho smentito ogni cosa che avete detto con i fatti, ben esposti e ragionati."

Su questo mi permetterei di dissentire...e non sono il solo visto che ho contattato diversi tuoi compagni che mi dicono che questo loggione non è, come ti ho già detto, tutto rose e fiori come dici te...


"Siete voi che continuate ad accanirvi inutilmente per dimostrare come la chiesa abbia fatto un lavoro straordinario nel plasmare le menti"

Quante volte ancora dovrò scrivertelo prima che entri in quella tua testolina durina? CREDI A QUEL CAZZO CHE VUOI, MA NON PIGLIARE PER IL CULO GLI ALTRI SU QUESTE COSE. Cazzo, 6 il primo che si incazza appena su un blog gli dicono tanto così er poi vai a pigliare per il culo su cose mooooolto più grandi di te pratcamente mezzo mondo...e poi sarei io ad avere 8 anni?

Dave ha detto...

"noi preti non la prendiamo perchè inchiappettiamo i bambini"

E' esattamente il modo in cui si prende l'Aids...questo lo dico perchè alcuni pedofili leggendo questi post potrebbero desistere dal utilizzare il condom...ragazzi, fatelo sicuro...sempre! XD

(perchè non aprite un dibattito sul perchè diamo ai vecchietti il viagra gratis e i preservativi si pagano a peso d'oro?diavolo uno magari c'ha pochi soldi e piuttosto che astenersi fa a meno di usarlo!è piu' un bene di lusso il viagra o ik ìl condom cazzo!?!scusate la parentesi)