venerdì 12 gennaio 2007

Contro Natura : il gatto bassotto.

In questo periodo si propongono sempre più spesso all'attenzione nazionale casi esemplari che chiedono chiarificazioni e dibattiti sull'aspetto legislativo,in cui ci sono evidenti lacune, e sull'aspetto etico di prendere o meno determinate decisioni sulla propria vita e su quella degli altri (vedi casi Welby e la recente discussione sulla pena di morte). C'è chi, però, non ha la facoltà di prendere decisioni sulla propria vita: gli animali.
Proprio l'altro giorno, leggendo il giornale, non ho potuto fare a meno di notare la notizia della presenza sempre più diffusa in Europa del Munchkin, il gatto bassotto, che ha fatto la sua comparsa anche in Italia alla fiera di Padova in occasione dell'Esposizione Internazionale del gatto.
Questo felino, non ancora riconosciuto dalla nostra federazione felina, si presenta con gli arti estremamente corti, come gli esemplari della popolare razza canina, che però nel suo caso non possono essere considerati una caratteristica pregiata in quanto costituiscono un grave handicap. Questo gatto, contrariamente alla sua natura, non può né saltare, né cacciare ed è soggetto a malattie motorie; i suoi istinti sono gravemente penalizzati. Giorgio Celli, etologo e autore televisivo, ha rilasciato una breve intervista in cui esprime tutto il suo disappunto per questa nuova moda: «E' una moda crudele. Il gatto bassotto è un mostro. E' come se noi umani selezionassimo nani e handicappati e li facessimo riprodurre.»
Mi sembra che in questa occasione si possa sollevare perlomeno un dibattito su ciò che oggi viene fatto agli animali attraverso esperimenti, che danno origine a esemplari di questo tipo, e la cui valenza scientifica è alquanto discutibile; sono casi in cui si va troppo oltre la natura delle cose.

«Non fare agli altri ciò che non vorresti fosse fatto a te»

9 commenti:

Pava ha detto...

"E' una moda crudele. Il gatto bassotto è un mostro. E' come se noi umani selezionassimo nani e handicappati e li facessimo riprodurre."
Pace all'anima di Celli e alle denunce che gli pioveranno...posto che noi non abbiamo la sua disponibilità finanziaria, possiamo dissociarci?

Anonimo ha detto...

ma intendeva nano con nano e handicappato con handicappato o....oh mio dio!

Dave (chi altri sennó?)

Nicole ha detto...

ahem Gilby....il suddetto gatto non ha preso parte all'esposizione di Padova in quanto la razza è sì riconosciuta ma in america, da noi no e quindi non può partecipare a mostre del genere...è rimasto in albergo, e non ha nemmeno potuto divertirsi visto che non può saltare...

Pava ha detto...

ma che schifezza di animale è?!?
(detto questo Marin dirà che l'ha visto e che è fighissimo...)

Pila ha detto...

"E' una moda crudele. Il gatto bassotto è un mostro. E' come se noi umani selezionassimo nani e handicappati e li facessimo riprodurre."
Mi dissocio anch'io da questa affermazione.
A parte la crudeltà che è stata inflitta al povero animale credo che quest'uomo non abbia ben centrato il punto della situazione. E' un paragone sbagliato e fuori luogo: cani e gatti sono razze diverse, nani e handicappati sono comunque esseri umani.

Anonimo ha detto...

molto intiresno, grazie

Anonimo ha detto...

Si, probabilmente lo e

Anonimo ha detto...

Si, probabilmente lo e

Anonimo ha detto...

certo che le persone potrebbero informarsi prima di parlare! Il Munchkin é una mutazione naturale che non provoca nessun tipo di disfunzione. il gatto bassotto salta corre e caccia come tutti gli altri gatti. Razze con mutazioni sono allevate e riconosciute da anni anche qua da noi e cosi anche il munchin. saluti